Radio Partenope

claude

E’ nata “Radio Partenope”, l’unica radio di solo musica napoletana 24 ore su 24, ascoltabile direttamente on-line su www.radiopartenope.it . La programmazione è divisa in fasce orarie: dalle 07 alle 16 C’era una volta Napoli: dalle 16 alle 19 Napoli Contemporanea: dalle 19 alle 01 del mattino Napoli classica: i grandi successi della musica Napoletana, dalle 01 alle 07 Carosello Napoletano. I messaggi dei già tanti ascoltatori scorrono in home-page ed è subito grande l’affetto per questa nuova e originale radio.

“Di fronte alla più grande campagna di de-marketing della storia d’Italia causata dall’emergenza rifiuti, mi sono chiesto – da pubblicitario – cosa avrei potuto fare per rilanciare l’immagine di Napoli nel mondo, pur non avendo il Comune di Napoli come cliente. Ho fondato una nuova città, Partenope. Un ufficio anagrafe in cui iscrivere tutti quei napoletani che nulla hanno a che fare con camorra e criminalità, né con volgarità e malcostume. Cittadini evoluti e virtuosi che mi piace distinguere con il termine “partenopei”.

Inizia così l’intervista a Claudio Agrelli, il pubblicitario napoletano che nel 2008 ha lanciato “Città di Partenope”. Ma diamo alcune informazioni su questo innovativo personaggio che stiamo per incontrare.
Agrelli, direttore Creativo e owner di Agrelli&Basta, a 37 anni è tra i pubblicitari più noti a livello nazionale e internazionale. Nel 2002 fonda la sua Agenzia mettendo insieme giovani talenti con la voglia di integrare le proprie conoscenze dalla pubblicità alla grafica, al web e ai new media. Nel 2004 crea il primo Customer Care on line per la comunicazione. Nel 2008 fonda una città virtuale, Città di Partenope, per rilanciare l’immagine di Napoli nel mondo arrivando ad attirare l’interesse di 146 paesi e organizzando eventi a New York, Tokyo e Sydney. Nel 2009 e 2010, come unica agenzia del Mezzogiorno, vince gli NC Awards. Nel 2011, malgrado la congiuntura sfavorevole, fa crescere ulteriormente la propria struttura stabilendo collaborazioni con clienti nazionali quali Ferrero, Mondial Group, Equitalia Polis, Standard Hotels. “Agrelli&Basta non è un progetto di business, ma è un progetto di vita – ha dichiarato Claudio Agrelli – per questo in Agrelli&Basta ogni campagna è una sfida, ogni obiettivo è inseguito con autentica passione”.
Così parte “Radio Partenope” una parte del progetto “Città di Partenope” che andiamo a scoprire insieme ad Agrelli.

“Città di Partenope”: un concetto ed un progetto ampio ed ambizioso. Vuole parlarcene? Da subito furono 300 iscritti, poi 1000, oggi sono 5179. Con tanto di Carta d’Identità. Un piccola città grande più o meno come Amalfi, certo una città virtuale ma abitata da cittadini reali che firmano un codice etico impegnandosi a rispettarlo, una sorta di galateo nel quale riconoscersi tutti. Ad oggi il nostro sito ha ricevuto visite da 142 paesi del mondo, il progetto è stato apprezzato da tutti i media, compresa la BBC. Una delegazione di Partenope è stata ospitata in eventi organizzati a New York, Tokyo, Sydney, dove abbiamo esportato un’immagine di Napoli diversa da quella generalmente declinata dai media.
Partenope è un progetto multimediale, una vera campagna permanente su Napoli e la sua cittadinanza attiva, abbiamo anche tre house organ molto seguiti.

Da amante della musica mi ha molto colpito la nascita di “Radio Partenope”. Musica napoletana non stop ma anche “messaggi ai partenopei” per una migliore vivibilità della città. Insomma…molto più di una radio? La Radio è un grande mezzo perché permette di usare quattro sensi su cinque. Mi piaceva l’idea di donare una “colonna sonora” ad hoc alle attività sparse per il mondo di tanti napoletani o semplicemente amanti di Napoli. Oggi il web e il mondo degli smart phone offrono la possibilità di ascoltare la radio in un modo nuovo e, perché no, di diffondere nel mondo una cultura, quella napoletana, ricca di storia, di arte, ma anche di una napoletanità evoluta e lontana da luoghi comuni ed etichette negative. Tra i messaggi ai partenopei infatti si possono ascoltare voci note quali quelle di Raffaele La Capria, Massimo Cacciari, Enrico Bertolino, il Cardinale Sepe, Luigi De Magistris, Gino Rivieccio e molti altri, ma anche semplici cittadini che trasmettono messaggi positivi su Napoli e per Napoli.

I napoletani credo ameranno questa iniziativa. Io sono dell’estremo nord dell’Italia. Facciamo un gioco: mi convinca a diventare un vostro ascoltatore. Dovrebbe amare il genere.. e se lo ama, provi ad ascoltarla una mattina sorseggiando un buon caffè. Risveglierà la voglia di affrontare una nuova giornata con ottimismo. Quell’ottimismo che permette ai napoletani di sopravvivere nella città meno vivibile d’Italia.

Sono rimasto affascinato da Napoli durante qualche mio soggiorno. Una città fantastica e “drammatica” allo stesso tempo. Potenzialità incredibili anche “logisticamente” con porto, aeroporto, mare, turismo, pizza, storia….insomma Napoli potrebbe essere un traino ed un esempio per molte città italiane. Lei vede Napoli con un futuro ancora più importante nell’Italia di domani? Sinceramente non lo so, citando Amato Lamberti credo che “solo i napoletani possono salvare i napoletani”. Se ognuno facesse la sua parte, sicuramente sì, siamo bravissimi in qualsiasi campo, molti di noi infatti hanno fatto fortuna all’estero. Io faccio la mia parte qui, mi auguro che molti facciano altrettanto.

Radio ma anche Tv e quotidiano. Vuole “linkarci” questi tre indirizzi ed invitare i nostri lettori a diventarne fedeli utenti? Da http://www.cittadipartenope.it potete accedere a tutta la Città, sarete considerati turisti finché non vi vorrete iscrivere e scoprire davvero Partneope.

Che aggiungere, se non di ritrovare tutti i nostri lettori in questo bel contesto? Grazie mille a Claudio Agrelli per la professionalità e la puntualità delle sue risposte. Un altrettanto grande ringraziamento a Sara Napolitano che ha reso possibile quest’intervista.

Samuel Pavanello

Creative Commons License
This work, unless otherwise expressly stated, is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Per qualsiasi segnalazione o errore riscontrato, vi invitiamo a leggere le Avvertenze d'uso.

2 Responses to Radio Partenope

  1. Bob scrive:

    nice to know, as usual

  2. Samuel scrive:

    “Radio Partenope” la prima ed unica web radio di musica napoletana diventa una App da scaricare ed ascoltare

    Claudio Agrelli: “La nuova App è diventata già una delle più scaricate a testimonianza di quanto la musica napoletana sia amata in tutto il mondo”

    Radio Partenope (www.radiopartenope.it) dopo aver raggiunto in meno di due mese dal lancio più di 100.000 contatti on line, diventa una App per Ipad Iphone e che consentirà a tutti gli appassionati ed ai nuovi scopritori del fascino della musica napoletana di ascoltarla ed apprezzarla.

    La App, che è stata scaricabile in fase beta nelle ultime settimane, è stata già scelta da migliaia di utenti che si sono sintonizzati da ogni parte del mondo lasciando nell’originale chat richieste musicali variegate, commenti e pensieri su Napoli e saluti da ogni parte del mondo.

    Radio Partenope è la prima ed unica web radio di musica napoletana lanciata da Città di Partenope (www.cittadipartenope.it), il progetto di responsabilità sociale ideato e promosso dal pubblicitario napoletano Claudio Agrelli con l’obiettivo si creare una campagna pubblicitaria permanente sulla diffusione del senso civico e l’esportazione di un’immagine positiva di Napoli e dei napoletani.

    La comunità degli affezionati aumenta di giorno in giorno, Agrelli sostiene: “attraverso la radio, strumento di larga diffusione, stiamo cercando di divulgare i valori positivi di Città di Partenope, non solo a Napoli o in tutta Italia ma esportando le good practies, legate alla città anche e soprattutto all’estero. Raccoglieremo ben presto e saranno disponibili on line, le più belle frasi lasciate nella chat, ci sono tante persone che ascoltano la nostra radio stando lontano da Napoli e sentendone un’enorme nostalgia, mi rende di orgoglio contribuire in minima parte, con questo progetto, a far sentire i napoletano all’estero meno soli, e a far conoscere e riscoprire a tutti coloro che non sono napoletani il fascino di questa melodia, da oggi scaricabile ed ascoltabile ovunque”.

    Alla Città “virtuosa” è dedicata anche una pagina Facebook, che viene aggiornata giornalmente con notizie originali che riguardano non solo la città Napoli ma anche iniziative interessanti in giro per il mondo dalle quali prendere spunto; vengono poi lanciate vere e proprie campagne di sensibilizzazione dove il contributo del singolo cittadino di Partenope è importantissimo per realizzarle e diffonderle.

    La programmazione, pensata dal direttore artistico Mario Coni, è divisa in fasce orarie: dalle 07 alle 16 C’era una volta Napoli: i grandi brani della Napoli in Carrozzella, dalle 16 alle 19 Napoli Contemporanea: la nuova musica Napoletana, dalle 19 alle 01 del mattino Napoli classica: i grandi successi della musica Napoletana, dalle 01 alle 07 Carosello Napoletano: Musica napoletana senza limiti. Ventiquattrore ore no stop di ottima musica napoletana, per imparare a conoscere e riscoprire un repertorio fatto di canzoni d’amore, tarantelle e rap attualissimi.

    Unici intervalli ogni trenta minuti sono i “messaggi ai partenopei” dove personaggi come Raffaele La Capria, Massimo Cacciari, Enrico Bertolino, Enzo Avitabile, il Cardinale Crescenzio Sepe, Red Ronnie, Gigi Rivieccio, Francesco Paolantoni suggeriscono agli ascoltatori quali sono i comportamenti da seguire per una migliore vivibilità a Napoli, e le “voci di Partenope”, messaggi di semplici cittadini sul senso civico e la legalità, evidenziando così la parte più virtuosa di una città.
    La App di Radio Partenope, si aggiunge agli altri due media ufficiali di Città di Partenope: il quotidiano online La Mattina (www.la-mattina.it) e la web tv (www.partenopetv.it).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>